AGISCI COME SE FOSSI UN’IMPRESA, PENSA IN GRANDE!

Immagina di dover creare la tua etichetta discografica, come ti comporteresti?

Con l’avvento di internet, ogni musicista è più libero di essere imprenditore di se stesso.
A rendere tutto più semplice è anche la riduzione dei costi, quindi un musicista può scegliere di iniziare un percorso indipendente con tutte le responsabilità che ne derivano.
Al primo disco, il tuo punto di partenza, ne deve seguire un secondo, organizzare un tour e una rete di prodotti e iniziative innovative.
Le luci della ribalta è meglio incontrarla preparati da rifiuti, lacrime e tante cicatrici anticipate da ore in sala prove, esibizioni dal vivo, concorsi e porte in faccia.

Il successo premia chi accompagna al talento, determinazione, coraggio.

Inoltre per chi vorrebbe fare della musica un lavoro, bisogna ricordare che si tratta di un’attività a tempo pieno e quindi anche di business, concorrenza, collaborazioni.. soldi.
Sì, ma da dove cominciare?
Business plan
Sgombera la mente e trova sempre nuove idee, dopodichè prepara il business plan.
Il business plan è un piano cartaceo (o su file) che delinea gli obiettivi di un’impresa, specificando come raggiungerli, con quali risorse, per avere successo con la propria attività.
A prescindere dall’effettiva possibilità di trovare investitori,collaboratori o distributori per la tua idea, scrivere il business plan, può aiutarti nel capire quali obiettivi realisti riportare e cercare di realizzare.
Quello che interessa prevalentemente ai tuoi potenziali investitori è sapere che l’impresa sia in grado di restituire il prestito.
Sintentico ma efficiente, deve dar fiducia a te stesso e a chiunque lo legga.
I quattro fattori chiave per un business plan di successo sono: affidabilità, flusso di cassa, garanzie reali e apporto di capitale dell’imprenditore.
Definisci le potenzialità di successo, con cifre, profitti e clienti.
⦁ Mission: lo scopo ultimo di un’impresa, dichiarazione di intenti, molto importante per chiarire cosa si offre al pubblico e cosa si nasconde dietro il progetto. Trova uno slogan che la sintetizzi.
⦁ Vision: dove vuoi arrivare? Qual è il tuo punto di arrivo?
⦁ Indagine di mercato discografico: quando si cercano fondi da potenziali investitori, torna utile dedicare un paragrafo ai dati di mercato sul settore discografico in Italia.
⦁ Biografia, storia e ruoli del gruppo: inserire qualche esperienza tratta dal tuo CV, specificare il genere musicale e la tipologia di repertorio (cover o inediti)
⦁ Audience: costruire dei profili del tuo seguito grazie ai social è diventato più semplice (genere, età, provenienza, condizione sociale, scelte musicali, condizioni di acquisto)
⦁ Progetto discografico: produttore dell’album, studio di registrazione
⦁ Merchandise: indicare la domanda di merchandise da parte dei fan
⦁ Attività di pre-lancio/party di lancio: stime di partecipanti, sponsor
⦁ Piano del Tour: includere la lista delle date dove si suona dal vivo
⦁ Ufficio Stampa: radio, tv, giornali, stampa che possano essere interessati a promuoverti
⦁ Distribuzione e vendita: specificare la tipologia dei canali (es. diretta, e-commerce)
⦁ Obiettivi: breve periodo (da qui a 6 mesi), medio periodo (fino a 1 anno), lungo periodo (fino a 3/5 anni)
⦁ Aspetti finanziari, conclusioni e appendice: ulteriori dati economici, le tue richieste e un piccolo paragrafo per informazioni aggiuntive
Inserisci inoltre la quick ratio, un dato contabile semplice ed importante, pari al totale dei soldi che ti devono, più quelli in banca, diviso per la somma dei tuoi debiti.
Ad esempio se ti dovessero pagare 250,00 € di cachet a serata per un totale di 8 serate (2000,00 €) e hai altri 2000,00 € in banca, ma devi 2000,00 € per delle produzioni musicali o delle stampe di merchandise la tua formula sarà questa:
(2000,00 + 2000,00)/2000,00 = 2
Quando il risultato è superiore a 1 siete solventi.

Per continuare a leggere sull’argomento di ricordo che è disponibile la mini-guida n°6 sull’articolo PENSA IN GRANDE COME UNA CASA DISCOGRAFICA – 10 PASSI PER UN ARTISTA INDIPENDENTE ma sopratutto nella mia sezione E-Book

Se ti fosse piaciuto l’articolo lascia una stellina oppure un commento per farmi sapere cosa ne pensi, se non l’avessi ancora fatto iscriviti alla newsletter!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...